Novità editoriali

Maria Teresa Grassi, Palmira. Storie straordinarie dell’antica metropoli d’Oriente

Leggi il resto di questo articolo »

mtg-palmiraCollana ‘Clessidre’, ed. Edizioni Terra Santa, Milano 2017, pp. 160

ISBN: 978-88-6240-478-5, EAN: 9788862404785

.

La fama di Palmira è purtroppo legata alla drammatica guerra che, dal 2011, sconvolge la Siria e che ha travolto il paese, la sua gente e il suo patrimonio culturale. Il sito, nel Patrimonio UNESCO dal 1980 (e nel Patrimonio UNESCO in pericolo dal 2013), è stato devastato da spettacolari distruzioni, utilizzato come sfondo per eccidi di massa e profondamente colpito con il barbaro assassinio di Khaled al-As’ad, direttore dell’area archeologica e del museo per quaranta anni, quasi a volerne annientare la memoria. Palmira è divenuta un luogo-simbolo dello scempio in atto del patrimonio culturale, ma non merita di essere solo questo nell’immaginario collettivo, e la sua storia, i suoi monumenti, le sue opere d’arte, le sue epigrafi meritano di essere raccontati, descritti, ricordati. Per questo libro sono stati selezionati alcuni temi particolarmente significativi per comprendere Palmira, che spaziano dall’urbanistica alla storia politica, sociale, economica e religiosa del sito. Da essi emerge la complessità e le peculiarità della grande città, a metà strada tra la Mesopotamia e il Mediterraneo, non solo per la posizione dell’oasi, ma anche per la singolare cultura che vi si è sviluppata.

.

Maria Teresa Grassi insegna Archeologia delle Province Romane presso l’Università degli Studi di Milano e ha diretto, insieme a Waleed al-As’ad (figlio di Khaled), la missione archeologica congiunta italo-siriana di Palmira (PAL.M.A.I.S.), che ha operato nel sito dal 2007 al novembre 2010.

.

Contenuto dell’opera

- Palmira tra passato, presente e futuro

- Un piemontese a Palmira: Altri viaggi

- Colonne: Costruire una via colonnata

- Zenobia

- Due Zeus e altri dei: Templi, riti, sacerdoti

- Tombe

- Ritratti di famiglia: Nuovi metodi di ricerca

- Carovane

- Vivere nell’oasi

- Palmira oltre Palmira

- Nota bibliografica

A. Muller/E. Lafli (eds.), Figurines de terre cuite en Méditerranée grecque et romaine

Leggi il resto di questo articolo »

BCH_Supp_54_Livre .indbVol 1: Production, diffusion, étude. École française d’Athènes, in Bulletin de correspondance hellénique, supplément 54 (Paris/Athens, École française d’Athènes 2016). Pp. 517.

 ISBN: 978-2-86958-274-3.

I due volumi, frutto della collaborazione franco-turca tra il Dipartimento di Archeologia dell’Università Dokuz Eylül di Izmir, l’École française d’Athènes e il Centro di Ricerca Halma UMR 8164 dell’Università di Lille 3, Scienze Umane e Sociali, raccolgono gli Atti del Convegno di Izmir (Izmir, 2-6 giugno 2007), finalizzato alla divulgazione ddi una mponente raccolta di nuovi dati sul tema della coroplastica antica.

.

Scarica le pagine iniziali con il sommario.

.

Per ordinare il volume:

École française d’Athènes, 6, Odos Didotou, Kolonaki,

GR-10680 Athens.

Tel.: +30.210.367 99 22.

E-mail: marina.leclercq@efa.gr

Hierapolis di Frigia VIII.1-2. Le Attività delle Campagne di Scavo e Restauro 2007-2011

Leggi il resto di questo articolo »

hierapolisdifrigia_viii_bNell’ambito della collana “Hierapolis di Frigia”, diretta da Francesco D’Andria, è stato ora pubblicato il volume VIII, in due tomi:

F. D’Andria, M.P. Caggia, T. Ismaelli (a cura di), Hierapolis Di Frigia VIII. 1-2 Le Attività delle Campagne di Scavo e Restauro 2007-2011, editore Yayinlari, Istanbul 2016, 911 pp., con illustrazioni in B/n e colore, in italiano con riassunti in turco.

Vol. VIII.1: ISBN 978-605-9680-12-7

Vol. VIII.2: ISBN 978-605-9680-13-4

La pubblicazione, dedicata alla memoria di Maria Pia Rossignani, è stata realizzata con il contributo finanziario del MIUR per il Progetto “Archeologia dei paesaggi in Anatolia: ricerche multidisciplinari a Hierapolis di Frigia e nella regione del Salbakos” (PRIN – Progetti di Rilevante Interesse Nazionale, 2008).

.

Scarica le pagine iniziali con il sommario e la presentazione di F. D’Andria

Archeologia e arte nel Dodecaneso nella tarda antichità

Leggi il resto di questo articolo »

Kollis figura2Αρχαιολογία και Τέχνη στα Δωδεκάνησα κατά την Ύστερη Αρχαιότητα

Πρακτικά ημερίδας στη μνήμη του Ηλία Κόλλια, Ρόδος 19 Νοεμβρίου 2011

.

Atti del Convegno in memoria di Elia Kollias, Rodi 19 novembre 2011,

a cura di N. Zarras, M.I. Stefanakis, Eulimene Series 2, ΜΕΣΟΓΕΙΑΚΗ ΑΡΧΑΙΟΛΟΓΙΚΗ ΕΤΑΙΡΕΙΑ, Rethymno 2014, pp. 220

ISBN 978-618-80666-1-8

.

Il volume, dedicato alla memoria di Ilias Kollias ed edito con il contributo della Metropoli di Rodi, che ha finanziato un progetto di ricerca sullo studio dell’archeologia e dell’arte del Dodecaneso nella tarda antichità, raccoglie i contributi presentati al seminario conclusivo, tenutosi a Rodi il 19 novembre 2011. Il programma di ricerca è stato realizzato dal Dipartimento di Studi Mediterranei dell’Università dell’Egeo, in collaborazione con la 4° Eforia alle Antichità Bizantine del Dodecaneso. La scelta di dedicare il volume ad Ilias Kollias, studioso che ha dedicato tutta la vita allo studio e, come Soprintendente, alla salvaguardia della ricchezza monumentale del Dodecaneso, deriva dal fatto che molti dei contributi presentati sono in continuità con la sua stessa linea di ricerca, che spaziava dall’archeologia, alla storia dell’arte, alla numismatica.

.

Scarica le pagine iniziali con le introduzioni, il sommario, gli abstract

Σοφία άδολος . Τιμητικός τόμος για τον Ιωάννη Χρ. Παπαχριστοδούλου

Leggi il resto di questo articolo »

Immagine copertina περ σιτο(Scritti in onore di Ioannis Chr. Papachristodoulou)

Υπουργείο Πολιτισμού και Αθλητισμού / Αρχαιολογικό Ινστιτούτο Αιγαιακών Σπουδών

Ministero della Cultura e dello Sport / Istituto Archeologico di Studi Egei

Rodi 2014 - ISBN 978-618-81342-1-8

.

A cura di Pavlos Triandaphyillidis, è stato edito nel 2014 un volume di scritti in onore di Ioannis Chr. Papachristodoulou, già Eforo della 22° Eforia Preistorico-classica del Dodecaneso. Il ricco volume (630 pp.) raccoglie 34 contributi a carattere epigrafico e archeologico per la massima parte riguardante le isole del Dodecaneso.

.

Scarica il sommario e l’introduzione

Archeologia protobizantina a Kos. La città e il complesso episcopale

Leggi il resto di questo articolo »

Copertina per sito def.a cura di Isabella Baldini e Monica Livadiotti

Collana DiSCi 6, Bononia University Press, Bologna 2015, pp. 1-537

ISSN 2284-3523, ISBN 978-88-7395-991-5

.

Nel 2011 è stato pubblicato nella Collana “Studi e Scavi” dell’ex Dipartimento di Archeologia il volume sulle ricerche nell’area suburbana di S. Gabriele (Archeologia proto bizantina a Kos. La basilica di S. Gabriele, a cura di Isabella Baldini e Monica Livadiotti), frutto delle ricerche effettuate tra il 2006 e il 2009 in collaborazione con il Dipartimento di Scienze dell’Ingegneria Civile e dell’Architettura del Politecnico di Bari.

A quel lavoro si aggiunge ora questo volume che si incentra sulla topografia urbana di Kos attraverso una serie di contributi che consentono di comporne il quadro complessivo durante la tarda antichità. Si conferma in questo modo l’immagine di una città che mantiene un notevole tono urbano sia per estensione che per impegno monumentale. Nel volume si pubblicano i risultati delle campagne archeologiche, di rilievo e studio, effettuate tra il 2007 e il 2013 nell’area delle Terme Occidentali, dove dall’età giustinianea si impianta un nuovo e ampio complesso episcopale in uso fino all’VIII secolo. Si è voluto cercare di contestualizzarne lo sviluppo considerando il rapporto con il pregresso (il ginnasio ellenistico e le grandi terme dei quartieri occidentali) e con il contesto insediativo di riferimento.

Le ricerche, condotte in modo interdisciplinare sempre in collaborazione tra il DiSCi dell’Università di Bologna “Alma Mater” e il DICAR del Politecnico di Bari, sono state svolte in accordo con l’Eforia alle Antichità del Dodecaneso (Rodi). I risultati conducono a nuovi apporti metodologici con particolare riguardo all’analisi della stratigrafia muraria e dei materiali, al rilievo come passaggio conoscitivo, fino ai progetti di fruizione delle aree archeologiche. L’opera è completata da una estesa bibliografia e dagli abstract in inglese di tutti i singoli contributi.

.

Scarica l’anteprima

Per acquistare il volume: http://www.buponline.com/ita/home.asp

Cultes et sanctuaires de l’île de Cos

Leggi il resto di questo articolo »

Le culte des mortsAutore:  Stéphanie Paul

Kernos, Supplément 28, 2013, pp. 442, 12 illustrazioni, 2 carte.

ISBN : 978-2-87562-029-3

 .

Nel 366 a.C. , le diverse comunità dell’isola di Kos, nelle Sporadi meridionali,  si riuniscono tramite sinecismo in una sola città, localizzata sulla punta nord-orientale dell’isola, in una posizione strategicamente ed economicamente più vantaggiosa, di fronte alle coste della Caria. Questo cambiamento ha profondamente influenzato il panorama religioso dell’isola, determinando la riorganizzazione e riconfigurazione del pantheon e dei culti. Tramite un sapiente mélange tra religioni nuove e tradizioni ancestrali, questa riforma ha permesso ad una comunità di formazione recente la coesione di una identità religiosa condivisa. La registrazione su epigrafe di numerose disposizioni cultuali e l’importante attività edilizia nei santuari sono proseguite a Kos almeno fino al I secolo a.C., attestando la vitalità della religione in questa città durante il periodo ellenistico. L’abbondanza di testi documentari fa di Kos un luogo ideale per studiare le pratiche religiose degli antichi greci e interpretarne il politeismo a livello locale, illustrando la ricchezza, la complessità e la dinamica di un pantheon regionale.

 .

Scarica il sommario dell’opera

Per altre informazioni: http://www.kernos.ulg.ac.be/supplements/paul_2013.html

Il tempio di Ercole a Sabratha. Architettura e contesto urbano

Leggi il resto di questo articolo »

copertina ridottaAutore: Sergio Aiosa

Monografie di Archeologia Libica XXXIII, Roma, L’Erma di Bretschneider, 2012, pp. 232, ill. 209 b/n, 28 tav. f.t.

ISBN 978-88-8265-771-0

.

Si tratta dell’importante edizione del complesso templare di Ercole a Sabratha (Libia), di notevole interesse per la conoscenza dell’architettura dell’Africa romana del II-III sec. d.C. L’edificio, già identificato da Giacomo Guidi nel 1935 ma completamente messo in luce da Giacomo Caputo a partire dal 1938, situato nell’insula 7 della Regio V di Sabratha, è costituito da un recinto porticato al centro del quale si trova il tempio, secondo una tipologia, quella del templum cum porticibus, che, seppure diffusa anche in altre zone dell’Impero, è molto ben attestata nell’area. Lo studio si Sergio Aiosa, dedicando maggiore attenzione alla consistenza architettonica del complesso e al suo rapporto con l’impianto urbano, va a completare una precedente edizione, a firma dello stesso Caputo con F. Ghedini (Monografie di Archeologia Libica XIX, 1984), studio per lo più dedicato all’importante ciclo di pitture parietali che decorano le pareti perimetrali interne delle due absidi terminali dei portici laterali.

.

Scarica il Sommario e l’Introduzione in .pdf

Link all’editore: http://www.lerma.it/frSchedaTitolo.php?key=00012430

Nomìsmata. Nomismatikè Aigàiou: Kos I

Leggi il resto di questo articolo »

Kos I, Monete001

Βασιλική E. Στεφανάκη, Νομίσματα. Νομισματική Αιγαίου: Κος Ι, Αθήνα 2012

Επιστημονική επιμέλεια: Αγγελική Γιαννικουρή

A cura di Anghelikì Giannikourì, con testi di Vasilikè E. Stephanake

Atene 2012, ISBN: 978-960-386-064-8

.

L’importante volume (531 pp.) fa parte di un progetto scientifico più ampio, a cura dell’Istituto Archeologico di Studi Egei, che prevede la pubblicazione sistematica del materiale monetario proveniente dalle isole egee. Il primo volume della collana è appunto dedicato a Kos e raccoglie la documentazione numismatica coa del periodo compreso tra la fine del VI e l’ultimo decennio del I secolo a.C., nonché una sintesi sulla circolazione monetaria nell’isola tra l’età classica e la tarda età ellenistica. Oltre alla presentazione di A. Giannikourì e al testo di V.E. Stephanake, corredato di catalogo e ampiamente illustrato, il volume comprende un ampio résumé in francese, una estesa bibliografia, e un’utile appendice di Elpida Skerlou con l’elenco dei siti e degli scavi da cui provengono i ritrovamenti monetali.

.

Scarica il frontespizio e il sommario in .pdf

Monstra. Costruzione e percezione delle entità ibride e mostruose nel Mediterraneo antico

Leggi il resto di questo articolo »

a cura di Igor Baglioni, catalogo della mostra, Roma 2013

 Vol. 1 (Egitto, Vicino Oriente Antico, Area Storico-Comparativa)

Vol. 2 (L’Antichità Classica)

Atti del I Incontro sulle Religioni del Mediterraneo Antico promosso dal Museo delle Religioni “Raffaele Pettazzoni” in collaborazione con il Dipartimento di Storia, Culture, Religioni (Sapienza Università di Roma)

Velletri (Roma), 8-11 giugno 2011, pp. 304, ed. Quasar, Roma 2013

 .

In numerose civiltà si può riscontrare la presenza di entità caratterizzate da un aspetto ibrido e mostruoso. La funzione e la percezione di questi esseri, però, risulta notevolmente divergente da cultura a cultura, tanto che appare sensibilmente problematica l’utilizzazione acritica della tipologia moderna del “mostro”, quale strumento di analisi delle entità presenti in determinate aree culturali, in quanto si rivela non corrispondente e atta a descrivere correttamente le caratteristiche e il ruolo che questi esseri ricoprivano o ricoprono nelle civiltà di appartenenza. Al riguardo, i contributi presenti in questi volumi si volgono a un’analisi critica e a una storicizzazione della moderna tipologia del “mostruoso”, rapportandola sia alle caratteristiche delle entità a carattere ibrido presenti nelle culture del mondo antico, sia alle modalità con le quali queste entità venivano recepite nell’ambito della culture stesse, evidenziando, tramite l’analisi del materiale documentario e la comparazione con altre aree culturali, la loro “costruzione” funzionale, semantica e simbolica, e delineando anche una linea di sviluppo, determinata dal modificarsi delle condizioni storiche, che, dalle divergenti concezioni presenti nelle culture del Mediterraneo antico, ha portato all’attuale concezione del “mostruoso”.

.

Sommario primo volume: Egitto, Vicino Oriente Antico, Area Storico-Comparativa. Le entità ibride e mostruose nell’antico Egitto. S. Ceruti, La percezione del mostruoso nell’antico Egitto: il caso della dea ippopotamo. A. Colazilli, La “mostruosità” umana e il divino nell’antico Egitto. A. Colonna, “Viva Ra, muoia la tartaruga”: costruzione, percezione ed evoluzione di un’entità mostruosa nell’antico Egitto. F. Contardi, Il mostruoso e il terrificante nei testi della tomba di un alto dignitario del I millennio a.C. M. Franci, Considerazioni sull’elemento ibrido nell’iconografia funeraria egizia. L. Sist, Osservazioni sul sarcofago del Museo del Vicino Oriente della Sapienza decorato con sfilata demoniaca. Le entità ibride e mostruose nel Vicino Oriente antico. S. Alivernini – M. Grotti, Arma, messaggero e fido consigliere: Šarur nella tradizione letteraria mesopotamica. B. Bellucci, Il grifone nel Vicino Oriente e oltre. Alcune riflessioni teorico-generali sull’entità mostruosa e sul suo utilizzo in ambito storico-religioso e antropologico. G. Frulla, Il tentativo di capovolgimento del mito nel racconto di Esodo 1-15: la reinterpretazione del “mostro delle acque”. C. Lo Piccolo – G. Zisa, Quando l’eroe disturba il “mostro”. Uno studio comparativo sulla figura del “mostro custode”: Ḫubaba, Ladone e il serpente della Colchide. P. Mander, I Mischwesen nella religione mesopotamica. L. Verderame, Osservazioni a margine dei concetti di “ibrido” e “mostro” in Mesopotamia. Le entità ibride e mostruose in una prospettiva storico-comparativa. S. Botta, Mostri, uomini e dèi. Appunti per una antropologia mesoamericana. M. Ferrara, Teste animali, lingue infuocate, corpi anguiformi. A riguardo di pericoli e rimedi nell’esegesi vedica dei rituali. G. Mazzoleni, Entità mostruose. Le ragioni di una presenza diffusa. M. Menicocci, Il potere degli Spiriti. Visione ed esseri extraumani tra i Crow. E. Pellizer, Il corpo smisurato. Riflessioni su giganti e gigantesse. A. Testa, Mascheramenti zoomorfi. Appendice. S. Giusti, Il mostruoso nei miti e nelle leggende africane. La raccolta di Raffaele Pettazzoni.

.

Sommario secondo volume: L’Antichità Classica. Le entità ibride e mostruose nell’antica Grecia. I. Baglioni, Note alla terminologia e al concetto di “mostruoso” nell’antica Grecia. S. Crippa, Mostri politici. La “mostrificazione”di esseri extraumani e non umani nelle tradizioni di fondazione in Grecia antica. G. Germanà Bozza, Il sacro e il “mostruoso” nei santuari della Sicilia sud-orientale durante l’età arcaica. P. Li Causi, Mostri propriamente detti e creature paradoxa. Un tentativo di classificazione. C. Pisano, Da spauracchio per i bambini a indictio silentii. I “mostri dell’infanzia” nell’antica Grecia. G. P. Viscardi, L’ibrido addosso. Il marchio del mostruoso sulla “pelle” del potere: l’aspetto terastico del “portatore di egida”. P. Vitellozzi, La funzione dell’ibrido e del mostruoso nella glittica greca arcaica. Le entità ibride e mostruose nell’antica Roma e nel Mondo Italico. V. D’Alessio, La componente infera di Faunus. L. Drago Troccoli, Raffigurazioni “mostruose” nel repertorio iconografico dell’Italia mediotirrenica nella I età del Ferro. A. Maiuri, Il lessico latino del mostruoso. F.R. Nocchi, Entità astratte e personificazioni mostruose. D. Segarra Crespo, L’androgino biforme e la bella Cleopatra. Riflessioni sulla mostruosità a Roma. Dall’Antichità Pagana al Mondo Cristiano. L. Arcari, Rappresentazioni paradossali e/o ibride nell’Apocalisse. Metamorfosi tra il Ritual Speech e la Ritual Vision. A. Cosentino, La divinità dalla testa di gallo e gambe serpentine sulle gemme magico-gnostiche. P. Marone, Agostino e i popoli mostruosi. I. Ramelli, Gesù Cristo come entità mostruosa ed ibrida nelle rappresentazioni pagane e cristiane tra II e III secolo. C.O. Tommasi Moreschini, “Esser vorresti uccello? Siam lí: sei pipistrello”. Note sull’ambiguo statuto dei chirotteri nella cultura greco-romana. Dall’Antichità Classica al Mondo Contemporaneo. T. Braccini, Morti irrequieti o morti mostruosi? Le presunte origini antiche del mito del vampiro. L. Fabbri, La metamorfosi di un mostro. La figura di Lamia dall’antichità all’Ottocento.

 .

Gli Atti, editi dalla casa editrice Quasar, sono in stampa e possono essere prenotati ai seguenti link:

Vol. 1 – http://www.edizioniquasar.it/sku.php?id_libro=1933

Vol. 2 – http://www.edizioniquasar.it/sku.php?id_libro=1934

Per maggiori informazioni: qn@edizioniquasar.it